.

From Italy to England and back between histories, identities and languages Donne migranti tra Italia e Inghilterra

Margherita Di Salvo, Tuscia University, Viterbo, IT

Per quanto negli ultimi anni gli spostamenti di popolazione abbiano sollecitato una proliferazione di studi, molti aspetti delle migrazioni contemporanee sono ancora poco noti. Tra questi, molti riguardano le migrazioni al femminile, soprattutto quelle successive alla fine della seconda guerra mondiale, per via di un interesse rivolto quasi esclusivamente agli spostamenti avvenuti tra Ottocento e Novecento (De Clementi 2011). Scarsa attenzione è stata rivolta anche a quei paesi europei che nel secondo dopoguerra promossero soprattutto l’emigrazione femminile come il Regno Unito. Ancora oggi, infatti, per quanto gli studi sull’emigrazione in tale paese siano numerosi, poco si sa sul ruolo delle donne e sui loro percorsi migratori. Sono questi gli aspetti su cui, invece, intendiamo interrogarci in questo contributo che si propone di descrivere, in un’ottica di genere, i percorsi migratori delle donne migrate in Inghilterra a partire dalla fine della seconda guerra mondiale. Lo studio, condotto a partire da 100 storie di vita raccolte nelle città inglesi di Bedford, Cambridge e Peterborough e in alcune delle aree dell’esodo, si propone di ricostruire la molteplicità dei percorsi: alcune seguirono i mariti, altre partirono sole e, solo in qualche caso, si fecero raggiungere, altre volte scelsero un marito “paesano” e altre volte ancora uno locale; alcune lavorarono, altre rimasero a casa; alcune, infine, rimasero in Inghilterra, altre invece ritornarono “al paese”. La nostra analisi si propone di concentrarsi non solo sui percorsi migratori, ma anche sui cambiamenti nei ruoli familiari e nei rapporti tra i coniugi, sulla gestione della maternità e della cura dei figli, sule aspirazioni e sulle paure sia nell’emigrazione verso l’Inghilterra sia nell’emigrazione di ritorno.  Guardando tali movimenti nell’ottica di genere, seguendo Miranda (2011), sarà possibile evidenziare le numerose continuità con i fenomeni contemporanei e suggerirne percorsi di lettura.

 

Nella sezione
Expulsion of European Union citizens from their host member state

Maslowski Solange, Charles University in Prague, CZ 

Drivers of highly-skilled emigration from Southern Europe in time of crisis

Laura, Bartolini, Anna Triandafyllidou, Ruby Gropas, European University Institute, Florence, IT

The migration of professionals within the EU: any barriers left? Migration, institutions and business cycle: evidence from the internal EU mobility

Stella Capuano, Institute for Employment Research, Nuremberg, DE
Silvia Migali, University of Aarhus, DK

New mobilities of migration in Galicia (2010-2014)

Emilia García López, Head of Foreign Affairs of the Council for Galician Culture, Santiago de Compostela, ES

The emigration of Italian citizens in the 2000s: a special focus on the United Kingdom

Domenico Gabrielli, University of Rome “La Sapienza”, National Institute of Statistics, Rome, IT

Beyond the numbers: socio-cultural backgrounds and expectations of the new Sardinian (e)migrants in the time of the crisis

 

Silvia Aru, Francesca Mazzuzi, Dipartimento di Storia, Beni Culturali e Territorio, Università degli studi di Cagliari, IT

Old and new Italian migrations in Belgium

Federica Moretti, Katholieke Universiteit Leuven, BE

Mobility in Genoa during economy crises: from history to present times

Carlo Stiaccini (CISEI), Andrea Torre (Centro Studi MEDI’), CISEI, Genova, IT

Bonding the Portuguese Diaspora: Secular, Religious and Leisure Catalysts Politics and Practices

Maria Beatriz Rocha-Trindade, Centro de Estudos das Migrações e das Relações Interculturais/ CEMRI, Universidade Aberta/ UAb, Lisboa, PT

Gunnar Nergaard and the Mummies of Chui-Chui

Knut Djupedal, Director of the Norwegian Emigrant Museum, Ottestad, NO

Crossing Boundaries: Negotiating transnational heritage and belonging in the German Waldensian diaspora

Elisa Gosso, University of Turin PhD Candidate, Social Anthropology, Department of Cultures, Politics and Society

The Irish National Diaspora Centre

Brian Lambkin, Mellon Centre for Migration Studies, Ulster American Folk Park, Omagh, UK

Filling the gaps in the archival sector: Current gender migration in an oral history case study

Triantafillia Kourtoumi, General State Archives of Greece, University of Macedonia, Thessaloniki, GR

Transnational Italian Networks and Transnational Italian Studies

Margaret Hills de Zárate, Queen Margaret University, Edinburgh, UK, Loredana Polezzi, University of Warwick, UK, Marco Santello, University of Warwick, UK

European Citizenship through European migration history

Sarah Clément, Génériques, Paris, FR

Food traditions amongst italian migrants in Luxembourg, between the need to be faithful to the past and new future challenges

Maria Luisa Caldognetto, Centre de Documentation sur les Migrations Humaine, Dudelange, LU 

Developing a Sustainable Model in Mutual Cultural Digital Heritage

Nonja Peters, Curtin University & University of Western Sydney, AU

Privacy Policy

Centro Altreitalie, Globus et Locus - Via Principe Amedeo 34 - 10123 Torino (Italy) Tel. +39 011 6688200 E. redazione@altreitalie.it - info@globusetlocus.org