.

I precursori del Made in Italy: figurinai, architetti e librai nelle migrazioni toscane

Giampaolo Giampaoli
Università di Pisa

Tra la fine del XIX secolo e la prima metà del Novecento gli artisti e gli artigiani toscani parteciparono a diffondere nei diversi Paesi di emigrazione il gusto estetico del Made in Italy. Tra di loro comparivano i cosiddetti figurinai – artigiani specializzati nella lavorazione del gesso - scultori di diversa preparazione e, in alcuni casi, anche capaci di esprimersi in forme artistiche più complesse, e architetti di formazione neoclassica. A queste professioni, desuete tra la massa dei partenti, si aggiungevano i librai impegnati, tramite il loro commercio, a diffondere la cultura italiana nei vari Paesi. Il saggio analizza le strategie di inserimento professionale all’estero di questi particolari migranti, ricostruendo alcune brevi biografie attraverso le fonti scritte e visive dell’Archivio Cresci di Lucca e del Museo dell’Emigrazione della Gente di Toscana di Lusuolo, in provincia di Massa.

 

Prezzo 5 € Acquista
Nella sezione
Dona Lydia De Próprio Punho: uma imigrante italiana que se conta

Nuncia Maria Santoro de Constantino
Pontifícia Universidade Católica do Rio Grande do Sul, Brasil

A mulher italiana no mundo dos negócios: do Lazio ao Rio de Janeiro

Rosane Aparecida Bartholazzi
Universidade Cândido Mendes, Brasil

La re-naissance italienne de Marcel Spada

Isabelle Felici
Université Paul Valéry Montpellier, France

Privacy Policy

Centro Altreitalie, Globus et Locus - Via Principe Amedeo 34 - 10123 Torino (Italy) Tel. +39 011 6688200 E. redazione@altreitalie.it - info@globusetlocus.org