Diminuisci dimensioni testoAumenta dimensioni testo Bookmark and Share

Italiani d'Africa, africani d'Italia: da coloni a profughi

Antonio M. Morone, Università di Pavia

L’emigrazione nei possedimenti africani ebbe una particolare rilevanza per la storia del colonialismo italiano, plasmando il discorso e le politiche del dominatore ancor prima di costituirne il tratto quantitativamente predominante. La combinazione tra colonialismo e colonizzazione, dominio politico e popolamento umano, rappresentò per il progetto italiano un riferimento «costante» che dalla realtà dei fatti «evolvette presto in direzione del mito» (Labanca, 2000, p. 100). Proprio la capacità limitata della media potenza italiana di «realizzare quelle trasformazioni sociali, economiche e istituzionali che normalmente caratterizzarono il colonialismo europeo» portò a «enfatizzare la funzione speciale dei coloni» al posto dei capitali e del mercato per rendere produttive le colonie (Calchi Novati, 1994a, p. 384). L’emigrazione fu più in generale lo strumento per una «ambiziosa politica estera» sia attraverso il popolamento delle colonie di dominio diretto, sia attraverso i gruppi di espatriati altrove nel mondo (Choate, 2003, p. 67)

Per continuare a leggere il saggio online o scaricarlo in formato pdf clicca su ACQUISTA

Prezzo 5 €Acquista
 

Privacy Policy

Centro Altreitalie, Globus et Locus - Via Principe Amedeo 34 - 10123 Torino (Italy) Tel. +39 011 6688200 E. redazione@altreitalie.it - info@globusetlocus.org