Diminuisci dimensioni testoAumenta dimensioni testo Bookmark and Share

Emigrazione e colonizzazione in Libia e Africa orientale

Gian Luca Podestà, Università di Parma 

Prologo

Nel 1927 Domenico Simoncelli, un giovane assistente dello statistico e demografo Corrado Gini all’Università di Roma, formulò una singolare proposta per risolvere i problema degli incroci razziali e incrementare le famiglie italiane nelle colonie. Per Simoncelli era indispensabile facilitare il riconoscimento e l’attribuzione della cittadinanza italiana ai meticci (Pogliano, 2005, p. 244). Il «temperamento» dei latini era più idoneo a favorire le unioni miste e l’assimilazione rispetto agli anglosassoni, che dominavano piuttosto che plasmare. Se i rapporti misti erano quasi inesistenti in Libia e Somalia, il loro numero cresceva invece in Eritrea, ove però i meticci godevano di uno status sociale precario, malvisti dagli italiani e disprezzati dagli africani. Tuttavia, se fossero stati educati e protetti, avrebbero potuto comporre un ceto di cittadini «buoni, laboriosi, onesti e civili». Nel futuro era anche auspicabile pensare a «una graduale sostituzione» della popolazione africana con «nuovi elementi» nei quali gli italiani avrebbero inoculato per incrocio «il proprio sangue, le proprie doti e cultura, facilitando l’estensione di una nuova società coloniale»:

È il bianco che ha invaso e invade il mondo e moltiplica ogni giorno le sue conquiste; è lui che va a cercare nei loro paesi le razze colorate e mischia ovunque il suo sangue con il loro. Presso a poco tutte le popolazioni meticce lo riconoscono per padre; e questo dà per risultato che esse sono educate al livello della razza madre superiore.

Per continuare a leggere il saggio online o scaricarlo in formato pdf clicca su ACQUISTA

Prezzo 5 €Acquista
 

Privacy Policy

Centro Altreitalie, Globus et Locus - Via Principe Amedeo 34 - 10123 Torino (Italy) Tel. +39 011 6688200 E. redazione@altreitalie.it - info@globusetlocus.org