Diminuisci dimensioni testoAumenta dimensioni testo Bookmark and Share

Cosa conta (nella TV contemporanea)

La Fondazione Rosselli è lieta di invitarvi alla presentazione del volume

Mercoledì 30 aprile, ore 11,30

Festival Internazionale del Giornalismo

Sala del Dottorato

Perugia

L’incontro tra le modalità comunicative della televisione con quelle del web, due  media per molto tempo percepiti in competizione, se non addirittura in antitesi, e la conseguente emersione di nuove “forme” televisive, è uno dei fenomeni culturali più significativi del presente.
Tali nuove forme televisive sono rese possibili da una rapida evoluzione tecnologica e si sintetizzano nella possibilità di fruire di contenuti audiovisivi attraverso vari mezzi in uno scenario in cui il contenuto audiovisivo si disintermedia, non è più esclusiva del mezzo televisivo e del salotto di casa, non è più rigidamente definito dal palinsesto.
Cambia dunque il modo di fare e guardare la tv. Cambiano le abitudini degli utenti e, di conseguenza, le strategie dei broadcaster. Si sviluppano nuove forme di distribuzione dei contenuti, si moltiplicano i player.
Come si misurano questi cambiamenti? In un simile scenario, infatti, diviene plausibile chiedersi se possano essere valutate (e vendute ai big spender) ipotesi differenti di misurazione dell’audience. Ci si chiede quanto modalità di misurazione dell’audience che tengano conto solo della fruizione su singolo mezzo, e di una misurazione esclusivamente quantitativa dell’audience (sul modello dell’Auditel) possano essere efficaci all'interno del nuovo scenario che si sta configurando.
L’affermarsi di questo fenomeno non può che sollevare una domanda cruciale: cosa conta nella televisione contemporanea?
Per rispondere a questo interrogativo la Fondazione Rosselli, con il contributo di Sky, ha indagato sull’evoluzione delle tecniche di misurazione dell’audience, a partire dai nuovi modelli di ascolto e dall’evoluzione del sistema di offerta.

Capire cosa conta nella televisione contemporanea è il primo passo per riflettere su nuovi scenari e modelli possibili del medium televisivo del futuro.

Per maggiori informazioni scrivere a segreteria@fondazionerosselli.it o telefonare allo 066869502.

Leggi il programma

 

Privacy Policy

Centro Altreitalie, Globus et Locus - Via Principe Amedeo 34 - 10123 Torino (Italy) Tel. +39 011 6688200 E. redazione@altreitalie.it - info@globusetlocus.org